La squadra di Recotech sta lavorando al restauro del Battistero di Firenze, affiancando i restauratori del Consorzio San Zanobi.

L’opera di restauro del Battistero di Firenze è iniziata nel 2014 dopo un periodo lungo oltre settantanni dall’ultimo intervento.

Attualmente i lavori di restauro si stanno concentrando sulla cupola dove è stato allestito un ponteggio da cui si calano i tecnici di Recotech.

 

Guarda il video del restauro del Battistero di Firenze:

I lavori edilizi in cordata sulla cupola del Battistero

Gli operai di Recotech, specializzati nei lavori in quota su fune, si sono calati da 40 metri sulla cupola del Battistero per effettuare interventi di manutenzione della copertura marmorea della cupola.

Un intervento di restauro spettacolare che ha attirato una folla numerosa attorno al Battistero, tutti con la testa in sù ad ammirare le fasi di lavoro.

Il lavoro in quota su fune utilizza tecniche dell’alpinismo applicate a contesti urbani, i vantaggi di questa tipologia di interventi sono diversi, da una parte si possono raggiungere parti della cupola altrimenti raggiungibili solo con ponteggi di grandi dimensioni, dall’altra permettono di agire in maniera rapida e precisa dove occorre.

Le immagini spettacolari dell’intervento in cordata:

 

Le fasi del restauro del Battistero di Firenze

Il restauro del Battistero di Firenze ha visto la collaborazione di diverse realtà del territorio, come Recotech che si occupa dei lavori edilizi in cordata, l’Università di Firenze e il Cnr che hanno effettuati le analisi diagnostiche sul monumento, e i restauratori del Consorzio San Zanobi.

Nella prima fase dei lavori i restauratori sono intervenuti sulla facciata e hanno dovuto far fronte ai danni causati dagli agenti atmosferici e dell’inquinamento cittadino, che hanno ricoperto intere porzioni del Battistero causando anche la caduta di alcune parti.

I lavori di restauro del Battistero di Firenze si concluderanno il 30 settembre, pronti per inaugurare il nuovo Museo dell’Opera del Duomo che sarà aperto il 29 ottobre.

Resta in contatto con noi: